Museo della Scuola "Paolo e Ornella Ricca"

Il Museo della scuola “Paolo e Ornella Ricca” a casa tua

Il Museo della scuola “Paolo e Ornella Ricca” dell’Università di Macerata – in ottemperanza al DCPM del 10 aprile 2020 – Emergenza sanitaria Covid-19 – è chiuso al pubblico ma le sue attività non si fermano.

Lo staff del museo ha progettato una serie di iniziative che saranno realizzate a distanza con la collaborazione delle operatrici volontarie del progetto del Servizio Civile Universale Schola Aperta – Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa -, che avevano preso servizio proprio poco tempo prima dell’emergenza.

Le attività si rivolgono, in particolare, a coloro che in questo periodo sono maggiormente colpiti dall’emergenza, quindi la generazione più anziana, preziosa custode di una memoria che rischia per sempre di scomparire: è proprio questa fascia d’età, infatti, a soffrire in molti casi i disagi maggiori in questo periodo di isolamento, con conseguenti aumenti delle situazioni di solitudine.

Le iniziative pensano anche ai più piccoli, chiamati ad affrontare una nuova quotidianità: a loro si propongono attività che li vedono protagonisti nella ricerca sulla storia della scuola, ma anche momenti di relax ascoltando una bella storia.

Le iniziative saranno realizzate – sotto la supervisione dello staff museale – dalle operatrici volontarie, le quali, in questo modo, avranno la possibilità di non sospendere il progetto del Servizio Civile.

Dal 1° maggio e ogni martedì, a partire dal 5 maggio, per i più piccoli, ma non solo, il Museo della scuola propone C’era un museo…, narrazione di alcune fiabe sonore Durium degli anni Trenta, trascritte dalla dott.ssa Silvia Niri nell’ambito delle attività di ricerca svolte per la tesi di laurea in Letteratura per l’infanzia intitolata «Come d’incanto. Storia delle fiabe sonore e delle radiofantasie nella produzione discografica italiana (1930-1945)». Le fiabe saranno narrate e registrate dalle operatrici volontarie del Servizio Civile.

Continuate a seguirci per scoprire le altre iniziative, che sveleremo nelle prossime settimane!

Per informazioni, potete scrivere a museodellascuola@unimc.it

Intanto, buon ascolto!

C’era un museo…
Narrazione di fiabe sonore

Nel XX secolo la fiaba popolare evolve grazie alla tecnologia, adattandosi ai nuovi mezzi di comunicazione. Con l’avvento della radio si riscopre sonora: l’EIAR nel 1933 trasmette sette “radiofantasie” circa «Le avventure di Topolino» e nel 1934 dà inizio al programma «I quattro moschettieri». Sempre negli Anni Trenta, viene inventato il disco infrangibile di cartone, supporto su cui la casa discografica Durium incide le raccolte per bambini «C’era una volta….» e «Le grandi edizioni sonore»: favole, filastrocche e fiabe della tradizione. La Columbia Records – americana – firma la raccolta «Le avventure di Topolino», incisa su vinile: presumibilmente una serie di scenette radiofoniche trasposte su disco in un secondo momento.

Successiva è la massificazione della fiaba sonora, verificatasi soprattutto negli anni Sessanta e Settanta, quando la Fratelli Fabbri Editori mette in vendita fiabe preregistrate corredate da albi di grande formato.

Le fiabe sonore registrate fanno parte della raccolta fonografica «Le grandi edizioni sonore» della Durium, conservata presso l’Istituto Centrale per i Beni Sonori ed Audiovisivi (ICBSA) di Roma. La trascrizione dei testi è stata realizzata dalla dott.ssa Silvia Niri nell’ambito delle attività di ricerca svolte per la tesi di laurea in Letteratura per l’infanzia intitolata «Come d’incanto. Storia delle fiabe sonore e delle radiofantasie nella produzione discografica italiana (1930-1945)», relatore prof. Juri Meda, corso di laurea magistrale a ciclo unico in Scienze della Formazione Primaria, Università degli Studi di Macerata, a.a. 2018-2019.

Non perdere ogni martedì alle 17.00 l’appuntamento con le fiabe sonore! In anteprima, venerdì 1° maggio, alle 17.00, scopri la prima fiaba sonora . Per ascoltare:

1- Cappuccetto Rosso | narrazione a cura di Alessia e Giorgia
(3 dischi datati 1933; testi di Mary Tibaldi Chiesa, musiche di Lucio Malatesta, illustrazioni di Giovanni Manca)

Ascoltala subito o scarica il file:

2- Pelle d’asino | narrazione a cura di Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa
(3 dischi datati 1941; testi di Mary Tibaldi Chiesa, musiche di Lucio Malatesta, illustrazioni di Vsevolode Nicouline)

Ascoltala subito o scarica il file:

3- Pollicino | narrazione a cura di Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa
(3 dischi datati 7-10-42; testi di Mary Tibaldi Chiesa, musiche di Mario Mariotti, illustrazioni di Enzo Magni)

Ascoltala subito o scarica il file:

4- La lampada di Aladino | narrazione a cura di Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa
(3 dischi datati 18-10-41; testi di Mary Tibaldi Chiesa, musiche di Lucio Malatesta, illustrazioni di Hilla von Horst)

5- Barbablù | narrazione a cura di Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa
(3 dischi datati 29-6-41; testi di Mary Tibaldi Chiesa e A. Di Lario, musiche di Lucio Malatesta, illustrazioni di Nicola Benois)

6- Il gatto degli stivali | narrazione a cura di Alessia, Giorgia, Giorgia e Teresa
(3 dischi datati 6-11-39; testi di Alberto Airoldi, musiche di Mario Mariotti, illustrazioni di Gustavino)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA – VIA CARDUCCI, 63/A (I PIANO) – 62100 MACERATA (MC)