Museo della Scuola "Paolo e Ornella Ricca"

Il regolamento

Articolo 1 – Istituzione

Presso il Centro di documentazione e ricerca sulla storia del libro scolastico e della letteratura per l’infanzia, istituito con D.R. del 20 febbraio 2004, n. 475 presso il Dipartimento di Scienze dell’educazione e della formazione dell’Università degli Studi di Macerata, è costituito il Museo della Scuola «Paolo e Ornella Ricca».

Articolo 2 – Finalità
Le finalità del Museo sono quelle di seguito elencate:
  • la valorizzazione e la promozione dello studio e della conoscenza delle proprie raccolte;
  • l’acquisizione di ulteriori raccolte di materiale bibliografico, fotografico, iconografico, documentario e/o museale d’interesse storico-educativo;
  • il censimento dei beni culturali della scuola e delle collezioni scientifiche e tecnologiche conservate presso gli istituti scolastici della Provincia di Macerata e la loro segnalazione alle competenti autorità per l’attivazione delle ordinarie procedure di tutela e salvaguardia;
  • la promozione di una rete nazionale dei musei della scuola, sul modello di quanto è stato fatto con eccellenti risultati in altri paesi (Germania, Regno Unito, Francia e Spagna);
  • la promozione – in collaborazione con i musei della predetta rete – di iniziative volte alla realizzazione di veri e propri poli periferici di sistematico censimento, raccolta, conservazione e valorizzazione del patrimonio storico-educativo nazionale, a lungo tempo disperso, e allo sviluppo di una maggiore sensibilità del mondo scolastico e più in generale della società civile nei confronti dei beni culturali della scuola;
  • la realizzazione di iniziative volte a promuovere tra gli alunni delle scuole primarie e secondarie, tra gli studenti universitari dei corsi di laurea in scienze dell’educazione e della formazione, tra gli allievi dei corsi post lauream di specializzazione all’insegnamento e tra gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado la conoscenza delle origini e degli sviluppi del sistema formativo e delle istituzioni scolastiche dell’Italia unita, sia attraverso incontri e visite guidate delle scolaresche, sia, più in particolare, attraverso specifiche attività didattiche e formative (seminari, laboratori, master, stage ecc.).
Articolo 3 – Patrimonio
Il Museo si avvale delle raccolte e dei fondi posseduti  dal Centro di documentazione e ricerca sulla storia del libro scolastico e della letteratura per l’infanzia aventi natura museale (suppellettili, materiali bibliografici e documentari, strumenti e oggetti d’uso scolastico ecc.).
Le raccolte e i fondi che saranno esposti nel Museo derivano principalmente dalla donazione effettuata dai coniugi Paolo e Ornella Ricca, la quale comprende una cospicua raccolta di diverse migliaia di pezzi tra documenti manoscritti e a stampa e arredi e materiali didattici e scolastici originali relativi alla scuola italiana del secondo Ottocento e della prima metà del Novecento (suppellettili, libri di testo, registri, quaderni scolastici, strumenti per la scrittura, attrezzature di laboratorio per la didattica delle scienze, oggetti vari, fotografie e illustrazioni; cartelloni, mappe e cartine geografiche murali, materiali per la refezione, giochi e giocattoli per le attività ricreative e per il doposcuola), frutto di una ricerca pluridecennale condotta con notevole passione e indiscussa competenza, da più parti considerata la più cospicua e significativa realizzata in Italia da parte di un privato.

Ai fini dell’esposizione, il Museo si avvarrà altresì delle altre raccolte documentarie e bibliografiche attualmente possedute dal Centro di documentazione e ricerca sulla storia del libro scolastico e della letteratura per l’infanzia.

(Omiss).

Il Centro di documentazione e ricerca sulla storia del libro scolastico e della letteratura per l’infanzia si impegna inoltre a raccogliere presso il Museo eventuale materiale bibliografico, fotografico, iconografico, documentario e/o museale di cui dovesse in futuro entrare in possesso a seguito di ulteriori acquisizioni, depositi, lasciti o donazioni, da parte di privati cittadini e/o di istituzioni pubbliche e/o private, affinché detto materiale possa essere qui conservato e valorizzato.

L’esposizione riguarda a titolo esemplificativo:
  • raccolte documentarie e bibliografiche d’interesse storico-scolastico ed educativo e di letteratura giovanile;
  • arredi e suppellettili scolastiche, strumenti e materiali per esercitazioni di laboratorio, ausili e sussidi didattici di vario genere (carte geografiche, carte murali, tabelloni didattici, globi terrestri, filmine didattiche, pallottolieri, alfabetieri, schede didattiche, doni froebeliani ecc.);
  • manufatti e opere infantili d’interesse scolastico (album di ritaglio, esercizi di economia domestica, disegni e altre creazioni artistiche ecc.);
  • giochi e giocattoli infantili;
  • collezioni scientifiche e tecnologiche per la didattica delle scienze.
UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA – VIA CARDUCCI, 63/A (I PIANO) - 62100 MACERATA (MC)